Boh, io sostanzialmente credo di essere rimasta basita per ore.
In primis perché mai avrei immaginato che Maurizio Sarri, di solito così apparentemente KEEEP CONTROL, nascondesse in realtà tutta questa furia di fondo e la scatenasse verso l’arbitro.
In secundis perché, come un po’ tutti gli appassionati di trash boh, domenica nel sentire Mourihno dire “Meglio perdere una partita 4-0 che quattro partite 1-0“, mi è sembrato, con tutta sincerità, di ascoltare i miei stessi discorsi dopo due bicchieri di vino a stomaco vuoto.

#IOSTOCONMAU, for-eva proprio.

Quello che è successo in queste partite lo hanno visto tutti, io come responsabile ho l’obbligo di difendere i miei giocatori, la società e il popolo laziale. Lo rifarei tutta la vita, avrà del lavoro il mio avvocato”. [Sarri conferenza stampa pre Europa]

Inevitabile tornare con la mente alla partita contro il Napoli.
Per carità, lungi da me sentenziare in maniera assoluta e definitiva sulle dinamiche della Lazio però, insomma, se qualcuno parla di crisi prendendo la mancata big surprise, perdonatemi, mi sembra eccessivo.
È stata davvero una problematica così enorme?

Ripeto, non voglio sentenziare né in un senso né in un altro, perché magari tra qualche mese succederà qualcosa che mi farà vedere le cose da prospettive differenti ma, al momento, l’impressione che ho avuto è che in realtà non sia il gioco a mancare, bensì un Lucas Leiva. Ecco.
Non la vedo una cosa strana o condannabile, onestamente mi pare solo la la normale assenza di un giocatore che per anni ha fatto solo cose belle.

Insomma, non è che si può sempre fare la partita wooooowwww, il campionato vive di giornate distinte tra loro.
E questo dovrebbe essere abbastanza chiaro. Poi se mi si parla di polemiche e strascichi importanti alzo le mani e se mi si parla di arbitri… Ah beh… mi viene da pensare che il disagio si protrarrà più di qualche mese. Con annesso baraccume mediatico.

Meglio non pensarci troppo.
Sarri deve preparare l’esordio in Europa League contro il Feyenoord che potrebbe indirizzare fin da subito le sorti del girone F.
Quando sento argomentare sull’Europa League manco fosse il torneo Birra Moretti della litoranea Ostia-Anzio, un pochino mi ci incazzo. Forse manca il brivido, lo stesso non posso non pensare che per “Europa che conta” si identifichi solo la Champions. Altrimenti tanto varrebbe dedicare 90 minuti alle nuove uscite su Netflix e buonanotte ai suonatori!

Sono solo due gli incontri passati tra le due squadre che sono sfidate nella Champions League 1999/2000 : un pareggio all’andata in Olanda , una sconfitta per la Lazio (1-2) al ritorno all’Olimpico .

Progredire ed evolversi in qualcosa di molto più profondo.
Il Feyenoord corrisponderà alla prima chance per diversi dei nuovi arrivati.
«Volevo dare un’identità alla squadra prima di iniziare le rotazioni. Se entri in una squadra con i meccanismi che funzionano è molto più facile anche per gli altri». [Sarri]

Todavia, qui lo dico e qui lo confermo, se non vedrò Casale manco 5 minuti inizierò a mangiarmi i gomiti.

In tutto ciò fatemi aggiungere una parentesi: io NON sono d’accordo nel buttare in campo chi non c’entra una mazza con tutto questo show, checché se ne dica, il calcio è pure uno show.
Chiusa parentesi.

Chiudo parentesi ammettendo che il turnover sembrerebbe roba sana e giusta perché, sabato sera, qualcuno aveva già acceso la spia della riserva.
È previsto il rilancio di Maximiano e mi dovrò tenere la “LOVE Provedel” fino a domenica. Ampio turnover? Davanti al portiere portoghese linea a 4 con Lazzari e Patric insieme a Hysaj ed uno fra Gila e Casale, (probabile staffetta fra i due).  Nascerà una nuova ship? (Romagnoli mai ship senza te). A centrocampo può essere confermato Cataldi vista la squalifica in campionato per una bestemmia volante contro il Napoli. Dal 1′ ci sarà Milinkovic insostituibile, mentre Basic è il favorito per completare il reparto. In attacco spazio a Zaccagni e Felipe Anderson. Dalla panchina Cancellieri e Pedro entrambi alle prese con qualche problema fisico ma disponibili. 
Immobile confermato. I’m so sorry, Ciru’, ma di Ciru’ ce n’è uno e non è imitabile.

Allarme SPOILER : Doveva sostituire Leiva. In cinque giornate di campionato ha giocato appena 52 minuti e Marcos Antonio non è sicuro di figurare contro il Feyenoord.

Comunque, alcuni di questi nuovi arrivi ancora mezzi sconosciuti al popolo laziale regaleranno trash, segnatevelo perché prevedo momenti altissimi!
Attenti, ragazzi miei, perché poi non si torna indietro, eh, e se i livelli di imbarazzo raggiungeranno l’apice, Lotito cercherà di vendervi a qualche squadra in Papua Guinea.

Cioè, il mio pensiero intanto va tutto al portierino portoghese. Cioè, voglio dire, Maximiano pora stella, ma rendiamoci conto, si è fatto espellere con la stessa velocità di quando imprecano all’Isola dei Famosi.
Cioè, vedi che puoi fa’ perché sennò poi chi è causa del suo mal…

Simplemente, Xoxo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.