Finché c’è Lazio c’è speranza e sano trash di cui noi, amanti del genere, abbiamo bisogno. Tipo Luis Alberto che prende a schiaffi le bandierine dei calci d’angolo….i love It.
Dopo aver visto i biancocelesti straripanti ed aver perculato malamente i CUgggINI di Mourinho durante tutte le amichevoli estive, la partita da 10 minuti di pennica assolutamente giustificati, ci sta comunque.
Fatevene una ragione, tra tanta bellezza un piccolo calo è fisiologico. "Altrimenti saremmo solo macchine", diceva una vecchia pubblicità, o pressappoco.
Ma ho letto lo stesso alcuni commenti e non vorrei avere la sfiga di doverli commentare. Ai limiti dell’horror.
Io lo sapevo; manco il tempo per godermi il ritorno di Felipetto, era tutta un’illusione e nel giro di 10 minuti mi sarebbe toccato "VABBÈ L’ALLENATORE MA SERVE IL MERCATO SENNÒ…"
Ed il popolo del "voyeurismo da calciomercato" è tornato a mugugnare.
Ci rendiamo conto che sono partitelle amichevoli, appunto amichevoli, giusto per far correre un po’ qui e un po’ lì la gente?
Con buona pace di Luis Alberto/Milinkovic/Anderson. (toda joia toda beleza).
Lo sappiamo e lo ribadisco: io, salvo casi eccezionali,  non sono una che sputa sentenze assolute su baby come Romero o Moro prendendoli come ragazzi copertina di chissà quale fantomatico "tonico rinforzante".
Sarebbe follia solo il pensiero di doverli commentare nel paragrafo NUOVI ACQUISTI e se poi si riveleranno tali, significa che il paraculismo di Igli ha funzionato.
Tante cose bisogna viverle nel corso di una stagione, non certo in ritiro.
Insomma, per me se a lungo andare non ci sarà nulla di sconvolgente, sarò d’accordo con quelli che hanno vomitato disappunto e riterrò, peraltro, sacrosanto il diritto di farlo. Un’amichevole ad Auronzo, però, non può far deprimere in 24 ore, né far abbassare l’entusiasmo che ha dominato sul pianeta Lazio dall’arrivo di Sarri fino a ieri.
Capisco benissimo che ci sia stata delusione, ma di fronte al contesto bisognerebbe far prevalere un’ottica futura e non PETIT frustrazioni momentanee.
DA AURONZO È TUTTO
Sarri non ha gradito la prestazione dei suoi e qualcuno si è premurato di rendere noto lo strillaccio falla panchina: “Stiamo facendo un casino incredibile. Luis fai rispettare la posizione agli altri“. 
L’ultima amichevole sotto le Tre Cime di Lavaredo termina in parità. E buonanotte ai suonatori.
CONSIDERAZIONI AMMASSATE
LUIZ FELIPE, conservati sempre in salute. Contro la Triestina mi hai fatto partire lo sproloquio sconnesso. Io, NOVARETTI di ritorno… No, thanx. 
PATRIC, chiudo gli occhi e vedo Sergio Ramos. Colpa del vaccino.
KAMENOVIC, dove stavi? Sento in lontananza arrivare vagonate di trash, I can’t wait. (Non ci stava ma lo nomino lo stesso gne gne gne)
MILINKOVIC, you are my sunshine.
LUIS ALBERTO, te quiero.
FELIPE ANDERSON…quanto me sei mancato nemmeno puoi immaginare #FA7.
ROMERO, riparleremo di te, presto ed infinite volte, ma non del mini-Pulce, mini-Messi… parleremo del ragazzino che "tien ‘e pall". Avvisati!
MURIQI, chi vivrà Vedat..Per tutto il resto c’è Maurizio Sarri. 
MORO, ‘sto ragazzino me gusta, senza sapere né leggere e né scrivere, la butto lì: ha qualità, ma soprattutto ha l’età. Età che gli permetterà di scoprire a pieno i propri mezzi. Io resto qui aspettando di vedere come andrà a finire. Buena Suerte.
L’ultima amichevole sotto le Tre Cime di Lavaredo, ho detto poc’anzi, è  terminata in parità. Un po’ di noia, manciata di minuti di pennica, un calo fisiologico dovuto alla stanchezza. 
Lassù sulle montagne, tra boschi e valli in fior, la Lazio è caduta nel trappolone. 
Ma io credo che sia meglio inciampare in ritiro, che diventare "casi umani" poi in campionato.
Simplemente, Xoxo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.