Il carisma e il decisionismo di Bielsa si iniziano già a vedere.

Per il ritiro di Auronzo, dove mancheranno i nazionali, Bielsa porterà molti giovani ma escluderà anche nomi conosciuti. Che la difesa fosse per lui il punto critico di questa squadra era noto a tutti e ora arrivano le prime dimostrazioni pratiche: Bisevac e Gentiletti non partiranno per le dolomiti.
Bielsa non li vuole, li ha già bocciati quindi scartati e preferisce darli via, anche a zero.

I tifosi laziali, in parallelo, continuano a chiedersi se Tare può rimanere il Ds della Lazio visto che, oltre ad non aver creato una squadra all’altezza facendo errori e orrori grossolani, evidentemente ha una visione del calcio molto lontana da quella di Bielsa almeno nella valutazione dei singoli giocatori. Bielsa non è ancora arrivato a Roma e già ha bocciato Jardel, trattativa per il quale dopo duro lavoro Tare era arrivato a poterla concludere, e non vuole saperne di allenare due giocatori che l’albanese aveva raccontato così, sull’argentino prima:

“…Ci è piaciuto da subito per il suo modo di approcciare la gara con personalità, aggressività ma anche tecnica”; e sul serbo poi:

“E’ un giocatore che conoscevo da anni perchè quando seguivo il calcio francese mi era rimasto in mente. Ha caratteristiche molto utili per il nostro gioco. […] abbiamo deciso di acquistare un giocatore pronto ed esperto. Potrà darci molto anche a livello internazionale. Viene soprannominato il guerriero e avevamo bisogno di queste caratteristiche”

Che Claudio Lotito ci pensi bene visto che il Ds viene retribuito con diverse centinaia di miigliaia di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.