Sono passati tre anni da quel ’71esimo minuto che scrisse la storia mentre gli altri tornavano a Trigoria. Adesso la definiscono la “Coppa del nonno”, ma ricordo un agguerrito Francesco Totti alla vigilia:  ” più importante per me di una finale di Champions League”. 

 “Coppa in faccia” e “Lulic 71”, queste parole ancora ci accompagneranno per molto tempo, anzi, per tutto il tempo perchè, cari cugini, anche se poi questi cugini non li abbiamo mai voluti: è sempre 26 maggio finché morte non ci separi! Queste parole pronunciate al bar, tra i banchi di scuola, ovunque voi vogliate, evocheranno alla memoria tante immagini. I giocatori in lacrime, i nostri nel bene ed i vostri nel male,  la Curva Nord esplosa come forse neanche esplose il giorno dello scudetto, Mauri capitano che alza la coppa al cielo, mentre l’altro capitano, quello giallorosso, al cielo ha alzato solo l’Iphone. Ricorderemo anche Lotito che salta sulla sedia e Tare che lo abbraccia, forse già vi era l’idea che conquistando la Coppa Italia e beffando la Roma, poteva esser tranquillo nel non fare mercato almeno per un anno, ma visto che parliamo di un anniversario felice, sorvoliamo anche su questa punta mia di acidità. 

 

La colpa dei continui sfottò però, forse è un pò anche degli odiati cugini giallorossi che si aspettavano la stella d’argento e la videro in frantumi. Perchè il vizio di parlare prima è proprio una loro caratteristica, come la rincorsa ai proclami e alle dichiarazioni di guerra vinta, perchè loro sono la “magica” e tutti gli altri dovrebbero fare campionati a parte. Lo scudetto son 4 anni che lo meritano, ma gli rimane solo quello morale, che poi si attribuiscono da soli! Dopotutto il lupo perde sì il pelo, ma mai il vizio!

 

Era la Lazio anche del semi sconosciuto Petkovic, pescato in chissà quale cantone svizzero, che nella sessione di ritiro a Norcia era però riuscito a sollevare gli animi di una squadra crollata nelle ultime giornate di campionato. I giallorossi arrivavano al match meglio di noi e sulla carta, come il solito, eravamo anche sfavoriti. Ma la storia c’è chi la scrive e chi la fa. 

 

Solo 7 punti nelle ultime 7 giornate, la creatura di Petko dopo l’inizio col botto, non poteva perdere questa e doveva assolutamente centrare l’ultimo posto disponibile sul treno Europa. Zoppicante, insicura e spaventata, si presentava la Lazio sul prato dell’Olimpico, già sconfitta su quella maledetta carta. Negli spogiatoi e sugli spalti, vi era solo un pensiero: entrare nella storia e poi il resto si sarebbe potuto rimandare a domani. Gli eroi di un popolo e quello che ha scorrazzato volando pù di tutti vicino al sole, Senad Lulic. 

 

Il treno per la gloria passa una sola volta, quella Coppa anche passò una sola volta. Non fu una gara bellissima come di solito ci si aspetta dalle finali così importanti, ma la Lazio dimostrò lo stesso di meritare quel trofeo.

 

Adesso ci accusano di parlare solo di passato, ma il passato non si dimentica ed allora non è nemmeno passato. E poi l’accusa ci viene rivolta da chi ancora ci rinfaccia la B, lo spareggio col Campobasso e il calcioscommesse. Da quelli che, dopo trent’anni, ancora contestano il gol di Turone. 

 

Tre anni son passati ed ora loro sono a più 26 punti da noi, e che strano, questo numero 26 mi ricorda qualcosina. Perciò , caro cugino mai voluto, prendici in giro ma ricorda che te stesso non hai vinto niente. Di derby ce ne saranno milioni, e tu ne potrai vincere milioni ancora, ma quello, quello no, non lo potrai giocare mai più. Quindi non ti chiedo neanche il rispetto, ti chiedo solo ogni volta di guardarmi in petto e ricordare come fosse un mantra: 26 maggio!

 

A tutti i laziali, concedetemi il termine, auguro un buon “Coppiversario” ricordando che noi abbiamo portato il calcio a Roma, noi ne abbiamo scritto la storia e non ci sarà mai rivincita! Quant’è bello essere della Lazio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.