E’ questo il limite di Claudio Lotito: gli mancano le conclusioni. Le promesse scadute di combattere strapoteri, annunci di quattro campioni mai arrivati, progetti di stadio monumentale, sì, gli mancano le conclusioni, quasi fossero tutti fantasmi disoccupati che ogni tanto lo vanno a trovare e diventano pensieri nella sua testa.

E sulla scia dell’”Isola che non c’è”, vi diamo il benvenuto all’Academy dei sogni: infatti non esiste! Tra progetti mai presentati, problemi di sovraccarico nell’impianto sportivo di Formello per la viabilità, proprio l’Academy non ancora sorta, era stata presentata in pompa magna. Nel putiferio generale, il sindaco di Formello era intervenuto ai microfoni dichiarando la piena sinergia e la felicità per l’iniziativa, ma il provare a mettere una pezza, certo non aveva zittito i tifosi stanchi dell’ennesima promessa a fondo perduto. Lotito e l’annuncio tra squilli di tromba e senza basi solide, ma il progetto partirà ancora in estate?

Arrivato anche il “mago” olandese Jopp Lensen per gestire l’Academy e diciamocelo , giusto una magia servirebbe per far apparire dal niente un progetto che ufficialmente non esiste. Nonostante però nulla sia aancora definito, l’olandese sul mercato ci ha messo lo zampino ed infatti la Lazio parla sempre più orange. Faccia simpatica e sorridente quella di colui che guiderà la rivoluzione partendo dai giovanissimi, Lensen responsabile dell’Academy Bob Lovati, ad ora senza tutte le autorizzazioni, guiderà i campioni del domani. Ma questa fantasmagorica struttura e le promesse di una nuova era, dove sono finite?

Si brindò nel 2014 a quello che sarebbe stato il fiore all’occhiello della società biancoceleste, ma ahimè, ci vorrà ancora molto tempo. Qualcuno parla del 2017 per l’inaugurazione, ma siamo nel 2016 ed ancora non se ne vede l’ombra. Se è vero che nel quartier generale di Formello le ruspe sono al lavoro per trasformare i campi da tennis in campi da calcio dove crescere giovani fenomeni, è pur vero che la struttura voluta da Lotito prevede cubature che senza ulteriori permessi non potranno mai essere costruite.

Mancherebbe inoltre anche il consenso della Regione Lazio e del Ministero dei Beni Culturali e sulla presentazione effettiva del progetto, è calato il silenzio tombale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.