Stefano Pioli aveva avvertito tutto negli scorsi giorni: “Serve entusiasmo!”. E di certo sta trovando le giuste parole per crearlo.

Ecco la sua conferenza stampa che inizia commentando il fatto che la Lazio è la migliore squadra dell’anno solare:

“Non abbiamo ancora finito, saremo soddisfatti dopo aver vinto qualcosa. E’ arrivato il momento di vincere”. 


Sui problemi in trasferta:
“Dobbiamo insistere, le prestazioni adesso ci sono. Dovremo controllare noi il gioco, giocando da Lazio domani potremo vincere”. 

Sui problemi di Lulic e Mauricio:

“Un quadro preciso sarà disponibile domani, hanno qualche problemino ma conto di recuperarli. Quando vedrò le loro condizioni deciderò”. 

Sulla parola scudetto:

“Io sono miope, non riesco a vedere troppo in là. Non è il momento, riparliamone a febbraio-marzo. Noi dovremo vincere domani, la classifica guardiamola quando sarà veritiera”. 

Su un’eventuale vittoria domani:

“Tutte le vittorie sono importanti per il futuro, ma le partite da giocare sono ancora troppe. Avremo una grande opportunità, ma sappiamo che sarà dura, l’Atalanta è una squadra ostica che non ha mai perso in casa. Ci sono tre punti in palio, ma non esageriamo con l’importanza della gara”. 

Sull’Atalanta:

“Sarà aggressiva, è una squadra fisica pericolosa sulle palle inattive. Non solo però, sulle corsie esterne sono molto pericolosi e ovviamente sfruttano queste qualità. Noi però vogliamo fare la partita dal punto di vista dell’atteggiamento e della voglia”.

Ancora sui problemi in trasferta:
 “Non è semplice spiegare questa cosa. La mentalità è la stessa, noi dovremo andare in trasferta consapevoli del fatto che non basterà una gara normale. Col giusto atteggiamento possiamo dire la nostra in ogni partita”. 

 

Sull’abbondanza in attacco:
“Sono felice di avere a disposizione tre bomber così forti. I titolari sono dettati dal momento, volta volta sceglierò i migliori. In certe sfide potremo anche vedere insieme Matri, Klose e Djordjevic”. 

Su De Vrij:

“N

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.