Era atteso in gruppo nella giornata di ieri, e invece sono arrivate pessime notizie dall’infermeria. Stefan de Vrij ancora non ce la fa, gli esami a cui si è sottoposto in Paideia non hanno dato esito positivo.

L’infiammazione al compartimento esterno del ginocchio sinistro non accenna a regredire, inevitabilmente il rientro in gruppo slitta ancora. Per Stefano Pioli si tratta dell’ennesima mazzata dopo gli infortuni occorsi a Biglia e Parolo durante gli impegni con le rispettive nazionali. ll tecnico emiliano non ha a disposizione il suo leader difensivo dallo scorso 6 settembre, giorno in cui è andato in scena il match Olanda-Turchia. L’ex Feyenoord alzò bandiera bianca a fine primo tempo, da allora non sembra aver fatto passi avanti. A questo punto si materializzano nuovi scenari, non è escluso che lo staff medico biancoceleste opti per l’intervento in artroscopia così da evitare al giocatore ulteriori ricadute. Sì, perché il classe ’92 convive con questa patologia da tempo immemore, basti pensare che si è operato al menisco esterno in Olanda quando aveva 18 anni. Lo scorso 12 aprile, in occasione di Lazio-Empoli, la problematica è riemersa impedendo a de Vrij di aiutare la squadra nel finale di stagione. Oggi Stefan è di fronte a un bivio, l’ora delle decisioni è alle porte.

fonte: lalaziosiamonoi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.