In occasione dell’uscita nelle sale di “Tutte lo vogliono”, Enrico Brignano ha avuto modo di parlare di Lazio ai microfoni del Corriere dello Sport.

La prima domanda è sul regista del film, Alessandro Maria Federici, di nota fede giallorossa: “Con lui abbiamo fatto un patto di non aggressione – esordisce Brignano –, non ci siamo mai fatti battute. Più che altro è la produttrice, Federica Lucisano, che è una romanista spudorata. Mi urlava sempre “a laziale”, ma anche con lei non ci siamo stuzzicati più di tanto. Non era conveniente, anche perché il film è stato girato in un momento in cui era già tutto deciso, lo Scudetto lo vince sempre la Juventus”. Poi la domanda da un milione di dollari: tra Lotito e Totti, chi sceglierebbe per fare un film? Mi piacerebbe fare un film sulla lingua italiana con tutti e due, sarebbe fantastico. Mi immagino Lotito che recita in latino con la pancia che gli esce fuori dalla toga. Anche Totti sarebbe divertente, in alcun spot fa ridere, in altri meno. E poi sarebbe più facile da gestire rispetto a Lotito, che pretenderebbe un camper biancoceleste e vorrebbe risparmiare sul gasolio. Ma il top sarebbe un film prodotto da Ferrero, con Lotito regista e Totti attore”. Infine su Matri: “Credo sia un buon acquisto, spero faccia la sua porca figura. Ne abbiamo bisogno”.

fonte: lalaziosiamonoi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.