AURONZO DI CADORE – Allo Zandegiacomo doppia seduta e doppia conferenza. Dopo Dusan Basta, tocca a Igli Tare: tra poco il diesse biancoceleste prenderà parola in sala stampa.

 

Punto sul mercato?

“La priorità è stata quella di lavorare sulle uscite, con il nuovo regolamento dovremo avere 25 giocatori in rosa. All’inizio del mercato ho detto che non sarebbe stato semplice migliorare il gruppo. Qualche necessità c’è, soprattutto a centrocampo nel ruolo di mezzala e un attaccante esterno visto l’addio di Mauri. Con due giocatori del genere il mercato sarà completato”.

Si parla di Milinkovic e di Kishna…

“Posso dire che sono giocatori che hanno le caratteristiche che stiamo cercando, il mercato è imprevedibile, le cose possono cambiare da un momento all’altro. Niente è stato concluso fino adesso, quindi non posso parlare nello specifico”.

Quante offerte importanti avete rifiutato?

“Sono arrivato io, ho portato l’acqua (ride facendo riferimento al diluvio di Auronzo, ndr). E’ un aspetto fondamentale per il nostro cammino quello di resistere alle offerte importanti. Non è una cosa da poco, sono arrivate cifre importanti, ma dobbiamo dare continuità. Cedere un calciatore importante rappresenterebbe qualcosa di sbagliato. Per il momento che sta passando il calcio italiano non è una cosa da poco resistere, per noi è fondamentale mantenere il gruppo unito e inserire tasselli per completare la rosa. Non ho mai dato importanza ai nomi, mi ha dato fastidio vedere come si lavora spesso a Roma. Se un giocatore arriva a un aeroporto di Roma, si scrive subito che potrebbe arrivare alla Lazio. Non è giusto, abbiamo spiegato come funziona il nostro progetto”.

Felipe Anderson quanto vale? E’ stato proposto Balotelli?

“Non mi riguarda dire una cosa del genere, ha un valore importante. Non ho mai fatto questo calcolo perché abbiamo voluto a tutti i costi allungare il suo contratto. Balotelli non è mai stato offerto alla Lazio”.

Radu ha rinnovato, Biglia e Marchetti lo faranno? Vlaar è una pista percorribile?

“Marchetti e Lulic hanno ricevuto un’offerta importante, spero che l’accettino. Loro sono importanti per il nostro progetto, spero che entrambi possano prolungare. Di Radu mi fa piacere, da tanti anni è alla Lazio, con questo contratto lungo potrà concludere la carriera alla Lazio. Biglia per noi è importante, ha un contratto ancora di tre anni, quando rientrerà ci incontreremo, gli faremo capire che è fondamentale per la nostra squadra. Vlaar è un giocatore che è stato proposto, ma da quello che so io ha dei problemi fisici e per questo non possiamo prenderlo in considerazione”.

Ederson?

“Stiamo cercando di trovare con lui una soluzione all’estero o la rescissione del contratto”.

Herteaux?

“Voglio essere chiaro, ho chiamato il diesse dell’Udinese Giaretta quando ho letto le sue dichiarazioni, mi ha riferito di non aver mai detto una cosa del genere. La Lazio non l’ha mai cercato, non penso che il mio collega faccia questo per avere dei vantaggi di mercato. Patric è l’alternativa di Basta”.

Cana?

“Avremo delle novità su di lui, tra massimo dieci giorni avremo più chiarezza sul suo futuro”.

Cosa chiedi alla Lazio? Qual è l’obiettivo?

“Di dare continuità a quello che abbiamo fatto l’anno scorso. Sarà difficile, ma ci sono tutti i presupposti per ripeterci. Abbiamo bisogno tantissimo della nostra gente e che si creda in questa squadra. Ci sono giocatori di esperienza e giovani di prospettiva. Il nostro progetto è basato sulle idee, sui soldi è difficile ragionare come altre squadre. Ma mi fa ben sperare la qualità dei nostri giovani, possono aprire un ciclo importante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.