“Nessun apparente riscontro con le 20 parole chiave utilizzate dai periti”. Questo il commento del tecnico della difesa di Stefano Mauri, a seguito della conclusione della perizia completa del Blackberry del capitano biancoceleste.Un successivo step importante è previsto per il 27 novembre, quando la difesa si recherà nuovamente a Cremona per il confronto con l’accusa, con ogni probabilità l’ultima udienza dell’incidente probatorio: superata questa fase infatti – come riporta Il Messaggero in data odierna -, sarà possibile procedere al 415 bis, ossia l’avviso della conclusione delle indagini preliminari, con i conseguenti rinvii a giudizio formulati dal pm Di Martino per gli indagati ritenuti in possesso di prove sufficienti per il dibattimento per frode o associazione a delinquere.

‘RACCHETTOPOLI’ – Ad essi, potrebbero aggiungersi anche i nomi nuovi emersi nella nuova inchiesta ‘Racchettopoli’, come nel caso di Goretti, attuale ds del Perugia, interrogato già lo scorso martedì e con il quale si parlerà soprattutto di tennis. Stando a quanto emerso, Goretti avrebbe parlato di una nuova combine dell’’amico’ Bracciali nel 2011, una conversazione inedita persino agli investigatori. L’idea è che il nuovo indagato risulti decisivo in questo filone dell’inchiesta, seppur ridimensionando la propria posizione. Altri nomi importanti compaiono nella chat con Bruni (l’ex commercialista di Signori), come quelli di Volandri e Mara Santangelo, ma soprattutto Potito Starace, che secondo Di Martino avrebbe perso la finale di Casablanca con lo spagnolo Andujar per guadagnare la somma di 100mila euro, invece di 75. La Federtennis, affinacata dalla Superprocura del Coni, nella vicenda si proclama parte lesa. Per i fatti del 2010-2011 non è scattata ancora la prescrizione dopo i 5 anni, pertanto Bracciali e Starace potrebbero essere presto sanzionati. Per quanto concerne gli ultimi sviluppi del calcioscommesse, invece, il procuratore generale Enrico Cataldi è ancora in attesa dei ‘vecchi’ incartamenti del procuratore Figc Stefano Palazzi.

fonte: lalaziosiamonoi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.