Stefano Pioli si è prestato alla usuale conferenza stampa pre-partita rispondendo a domande sul Torino e sul futuro di questa Lazio oltre che ovviamente sulle scelte di formazione per la gara di domani (Domenica 26 ottobre ore 18.00).

Queste le domande e le risposte:

Cosa vorrebbero dire quattro vittorie consecutive?


Vorrebbe dire dare la continuità che serve per centrare i nostri obiettivi. Prima della Fiorentina si parlava di partita della svolta, ma per noi lo sono tutte. Dobbiamo dare un altro segnale nella prossima gara; credo che questo faccia parte del nostro percorso e che l’unica partita della svolta sarà quella che, vincendola, ci darà la certezza del raggiungimento dell’obiettivo. Abbiamo sfruttato alcune occasioni e altre no, abbiamo preso delle lezioni: non ci sono partite più abbordabili di altre. Domani affrontiamo una squadra che sta facendo bene in Europa League e che farà soffrire anche noi.


Pensa di avere un vantaggio sul Torino perché ha giocato in Europa?


La loro è una formazione allestita per fare l’Europa e credo che cambieranno molto. Hanno un ottimo allenatore e un’intelaiatura consolidata nel tempo. 


Lazio da terzo posto?


Noi ci stiamo costruendo il nostro futuro, ma siamo all’inizio e il percorso è ancora molto lungo. 


Domani giocherà Felipe Anderson? 


Io cerco sempre di schierare la migliorare formazione a seconda delle partite precedenti e di quanto vedo in settimana. Ho ancora due allenamenti per scegliere. 


Lulic e Candreva sono a disposizione?


C’è stato qualche contrattempo, ma ho visto grande determinazione. Loro si sono allenati meno, ma ieri li ho visti in buona condizione; deciderò domani.


Le squadre senza Europa stanno facendo bene, cosa ne pensa? 


Alla lunga non è un caso, è un vantaggio allenarsi con continuità. Noi lo dobbiamo e lo vogliamo sfruttare. La squadra si è buttata sul lavoro con grande professionalità.


Quali giocatori teme? 

 

Visite dell'Articolo: 854

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.