Ha del clamoroso la decisione presa dell’Uefa in merito ai disordini avvenuti la sera del 14 ottobre durante Serbia-Albania, match valido per le qualificazioni a Euro 2016. Il massimo organismo calcistico europeo ha optato per il 3 a 0 a tavolino a favore della Serbia ma ha anche inflitto 3 punti di penalizzazione alla selezione di Advocaat.Che dovrà anche scontare due turni a porte chiuse. Entrambe le federazioni, poi, sono state multate di 100mila euro. Questo il commento a caldo del ct delle Aquile dei Balcani, Gianni De Biasi: “Sono deluso per una sentenza che non ci dà giustizia! Capisco la Commissione ma credo che sia difficile per noi accettare un verdetto che ci vede sconfitti su tutti i fronti! Ci hanno tolto anche quello che avevamo guadagnato sul campo! Cosa doveva succedere di più?”.

“Comunicheremo solo domani la decisione“, così l’ufficio stampa dell’Uefa ha rimandato la decisione riguardo i fatti avvenuti durante Serbia-Albania. Trattandosi di una decisione di primo grado, la commissione Disciplinare – riunitasi oggi alle ore 14 – si pronuncerà sulla base di rapporti ufficiali e video. Lorik Cana, che rischia uno stop da 6 a 18 mesi, dovrà trattenere il fiato: ancora 24 ore e il verdetto sarà noto. In serata arrivano anche le parole del centrale della Lazio, che in un video ha voluto dire la sua: “Mi aspetto che per gli albanesi venga presa la decisione giusta. Parlo in merito agli eventi che si sono verificati a Belgrado: speriamo ci venga concessa la vittoria per 3-0 a tavolino e che venga inflitta una punizione alla parte avversa. Ma sappiamo che le autorità competenti hanno la situazione in mano. Prima che noi presentassimo tutto il materiale a nostra disposizione, la Uefa era stata informata male. Ora che hanno visionato anche la nostra documentazione speriamo prendano la decisione giusta”.

fonte: lalaziosiamonoi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.