Luca Crecco, giovane classe ’95 campione d’Italia con la primavera laziale e ora in prestito al Terni in serie B, si è concesso in un’intervista ai microfoni di Calcionews24.com  parlando della stagione che lo aspetta e del sogno di tornare in pianta stabile alla Lazio.

Questa l’intervista:

Luca, sei al tuo primo anno a Terni e in serie B. Facciamo un bilancio di questi primi mesi?
“Fin qui devo dire che è una esperienza bellissima, mi sto trovando benissimo. La città mi piace e anche l’ambiente, siamo partiti bene in campionato, peccato per l’ultima pesante sconfitta in casa con il Livorno”.

Da salvare c’è il vostro gesto a inizio gara, tutti in campo con il caschetto per solidarizzare con gli operai messi in mobilità dell’Ast di Terni. Com’è nata quest idea?
“E’ nata da noi giocatori, in settimana eravamo stati all’acciaieria e volevamo far sentire la nostra vicinanza seppur con un piccolo gesto”.

Tornando al campionato, è una Ternana a due facce: sicura e convinta in trasferta, ancora in cerca della vittoria in casa. Perchè?
“Non c’è un motivo specifico, la volontà è quella di farla subito con il Trapani domani, non sarà facile ma la stiamo preparando bene”.

Con Tesser stai trovando spazio, ha dimostrato di puntare su di te…
“Con il mister mi trovo benissimo, sono davvero contento. Durante gli allenamenti mi parla moltissimo, se faccio un errore mi aiuta, mi da sempre molti consigli. E’ un allenatore preparato”.

Dove pensi che possa arrivare questa Ternana?
“Possiamo fare bene, il gruppo è unito e ci sono delle buone individualità. Fare previsioni ora non è facile, pensiamo a vincere la prossima”.

E tu invece, che obiettivi hai? Segnare il primo gol?
“Si, quello sicuramente. Ci sono andato vicino con il Livorno di testa ma la palla è uscita non di molto”.

Quali sono le squadre, secondo te, più attrezzate?
“Ho visto giocare da vicino Livorno e Avellino e m hanno fatto una buona impressione. Sopratutto il Livorno non ci ha permesso di fare il nostro gioco, difendevano alti e poi ci colpivano con i loro ataccanti che sono bravi. L’Avellino corre tanto, è una squadra che si muove bene”.

Dove ti esprimi meglio? Da mezzala o esterno offensivo?
“Nel 3-5-2 ho fatto per due anni con la Lazio l’esterno e spero con buoni risultati. Posso giocare in tutti e due i ruoli, ho sempre fatto la mezzala e anche qui mi stanno utilizzando in questo ruolo. L’importante è crescere con la squadra e giocare il più possibile”.

Giocare e convincere con la Ternana per

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.