Siamo in autunno ed escono altri sospetti su Stefano Mauri. Come i funghi. A Cremona continuano ad indagare sul calcioscommesse. Negli ultimi giorni il nome del centrocampista biancoceleste era saltato fuori di nuovo.Da una chat di Skype, recuperata dagli inquirenti e attribuita a Paolo Roberto Palmieri, uno degli indagati e amico di Zamperini, si faceva il nome di uno Stefano. Ci pensa lo stesso Palmieri, come riporta Radiosei, a smontare qualsiasi sospetto sul numero 6 laziale: “Vengo a conoscenza di mie conversazioni tramite chat Skype con un tale di nome Stefano. Posso assolutamente dire che certamente non è il capitano della Lazio Stefano Mauri. Inoltre tale incidente probatorio sul mio pc è avvenuta senza alcun tipo di notifica al mio legale, come tale non può essere considerato elemento probante”. Un castello di carte, che sembra cadere, ancora una volta, su se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.