E’ assolutamente impensabile fin dove possa arrivare il masochismo dei tifosi. Ma forse è semplicemente l’abitudine al pensiero che tutto possa andare storto perché in casa Lazio, Bielsa, lasciò un segno indelebile. E allora, via con le paturnie. 
Questa estate in particolare, salta proprio all’occhio quanto ci siano persone in crisi isterica, che ti fanno deprimere l’ovaio, invischiate in elucubrazioni mentali su SARRI
La sponda biancoceleste è diventata completamente irrazionale negli ultimi giorni. Si respira preoccupazione, ci si prepara al "Non comprendiamo il ripensamento di un uomo" e quel colpo fatale capace di far risalire il pranzo di Natale. 
In una settimana, ho visto vomitare le peggio nefandezze , tirare fuori pensieri ben oltre i limiti del reale. 
I social si sono trasformati in una succursale delle agenzie che rappresentano gli interessi di Sarri, la stampa continua ad alimentare voci sul malcontento, gli improvvisati esperti di calciomercato sfoderano i discorsi sui money. 
Il Chelsea è innamorato di Maurizio e lo rivuole indietro?
Cioè, per carità, io non metto in dubbio che nell’arco degli anni la Lazio, nella persona di Claudio Lotito ed in quella di Igli Tare, possa aver vissuto molti momenti trash e che sia assolutamente normale avere certe idee sulla società, ma non è partendo da questi tristi presupposti si può dar vita ad una psicosi collettiva. Né tantomeno ad un ritiro felice sotto Tre Cime di Lavaredo co’ le caprette che fanno "ciao". 
Gattuso ha fatto rimembrare il clamoroso caso Bielsa, David Silva e paturnie di ogni genere che riaffiorano in un momento di calma piatta sul mercato. 
Troppo disfattismo, raga ‘, anche se è vero il fatto che tra la botta di c**o e l’ inc****a, vi è solo un giro di valzer. 
Facciamo un piccolo RECAP: gli Europei sono entrati nel vivo, il calciomercato non è ufficialmente iniziato, la Lazio deve comprendere a pieno il nuovo modulo ed i probabili nuovi interpreti. 
Cercate di capire la stampa, di andare oltre i fantomatici movimenti di Tare, è difficile capire davvero cosa stia succedendo.
Nessuno sa e tutto diventa un pressing estenuante sulla Lazio. 
È chiaro, o almeno dovrebbe esserlo, che ad Auronzo non si presenteranno 30 nuovi calciatori. Se è questo che aspettate, sappiate che rimarrete molto delusi ed affogherete nelle vostre ansie. 
Anche io mi son chiesta come abbia fatto Lotito ad accaparrarsi un allenatore tanto BIG col suo atteggiamento da padre padrone e mi rispondo che i due, face to face, abbiano guardato l’abisso insieme scoprendo di avere più cose in comune rispetto a quelle che li dividevano. 
"Prepariamoci al peggio", ritornello figlio dell’atavica sfiducia nei confronti della società. 
Insomma, tutti abbiamo i nostri pensieri negativi, se dovessi trovarmi a parlare del passato potrei bacchettare la dirigenza su tantissime cose, ma parliamo pur sempre di passato. 
Qui, invece, parliamo di Sarri che ha firmato un contratto biennale, che dal giorno 1 ha accettato la Lazio con Lotito presidente e tutto il cocuzzaro. 
E passiamo le giornate a fare i meme su Instagram.
Che poi, parlando in termini generali, alcuni fanno dei discorsi raggelanti che io non credo di farcela. Si lamentano perché Claudione ha i soldi ma non vuole spenderli, sostengono che debba fare tutto per accontentare il tecnico e quindi, se Sarri chiedesse la luna e Mbappé, si deva portare Mbappé a Formello. 
Con la luna in mano. 
Ma per carità, per carità!
Vedremo il prossimo mese come finirà, forse, Sarri sentendosi forte col benestare dei tifosi e sapendo di avere il coltello dalla parte del manico farà il FAIGO e riuscirà a cavare un ragno dal buco. 
Reazioni tossiche, persone sull’orlo di una crisi di nervi, peggio mi sento se mi fermo a leggere Facebook. 
Per certi versi mi auguro continuino, così tanto per riempire le mie giornate.
Non batto ciglio di fronte a niente.
Io leggo le peggiori nefandezze e non esiste qualcosa al mondo possa scuotermi dallo stato larvale in cui sono sprofondata, perché SARRI NON È BIELSA.
Bielsa l’ho dimenticato.
Sulla carta consideriamo già di default la sua fuga con tanto di sfanculamento in mondovisione e invece, seppur senza una frase in tosanaccio, è tra i pochi capace di far trottare Tare privandolo della spocchia incomprensibile. 
È dotato di amor proprio, è deciso e sa cosa vuole e non vuole per il suo futuro, e, al netto di qualche battuta ricca di poraccitudine, mi sembra comunque molto preso della Lazio.
Sul finale mi faccio seria.
Volete il controllo totale sul calciomercato e su Sarri ? Vi struggete di amore per lui? Bene. Questo NON è essere tifoso. Ripeto, questo NON è essere tifoso. È masochismo.
Ripeto, non parlo di Bielsa, di Inzaghi, allargo il discorso partendo da affermazioni che mi hanno lasciata turbata. 
Perché finché si ride, si gioca e volano anche meme è un conto, quando si inizia a parlare ossessivamente di teorie e si sbattono alla mercé del pubblico, io non riesco a sorridere più.
Simplemente, Xoxo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.