Oh, avevamo un solo scopo: spedirti almeno allo spareggiotto per restare in Serie A. Abbiamo fallito.

Cairo dovresti essere tutto sole-cuore-amore.

Invece il presidente granata si è reso protagonista di un siparietto che, chiamare trash, sarebbe troppo poco e troppo gentile.

Motivo della sua iracondia? Ciro Immobile. A raccontare l’accaduto, è stato lo stesso bomber di Torre Annunziata sul suo profilo Instagram:

«Tutti sanno chi è Ciro Immobile. Dentro il campo, e soprattutto fuori. Posso accettare le critiche al calciatore, non gravi offese diffamatorie all’uomo che sono. Soprattutto se quest’ultime arrivano da dirigenti del mondo del calcio. Al termine della partita di questa sera il Presidente del Torino Urbano Cairo mi ha raggiunto all’ingresso dello spogliatoio della Lazio iniziando ad offendermi, a scagliarsi verbalmente nei miei confronti rivolgendomi gravi accuse infamatorie, accusandomi di aver giocato la partita con “il sangue agli occhi”, e altre cose riguardanti anche la gara d’andata di questo campionato disputata contro il Torino, arrivando perfino a dirmi che ho giocato quella gara positivo al COVID.

Non smetterò mai di ringraziare il Presidente Cairo per avermi dato la possibilità di consacrarmi nel Torino come calciatore, ma non posso sorvolare su un episodio che oltrepassa la dimensione calcistica. Tutti sanno chi è Ciro Immobile; un calciatore, sì, ma soprattutto un uomo rispettoso delle regole e dei principi della lealtà. Non posso tollerare ingiurie ed infamie che diffamino, senza alcun valido motivo, la mia persona.

Ciro Immobile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.